via crucis 2020


Da sessant’anni entro nelle carceri come frate volontario e ho sempre benedetto il giorno in cui, per la prima volta, ho incontrato questo mondo nascosto. È vero: ci sono genitori che, per amore, imparano ad aspettare che i figli maturino. Sono entrato in carcere: il carcere è entrato a casa mia. Quando ci penso, mi ritorna alla mente quel bambino con le scarpe rotte, i piedi bagnati, i vestiti usati: ero io, un tempo, quel bambino. Poi, un giorno, l’arresto: tre uomini in divisa, un rigido protocollo, il carcere che mi inghiotte vivo nel suo cemento. Quando, rinchiuso in cella, rileggo le pagine della Passione di Cristo, scoppio nel pianto: dopo ventinove anni di galera non ho ancora perduto la capacità di piangere, di vergognarmi della mia storia passata, del male compiuto. Sono caduto a terra due volte. Copyright © 2020 WLS-TV. Una vera giustizia, però, è possibile solo attraverso la misericordia che non inchioda per sempre l’uomo in croce: si offre come guida nell’aiutarlo a rialzarsi, insegnandogli a cogliere quel bene che, nonostante il male compiuto, non si spegne mai completamente nel suo cuore. MISERICORDIA ET MISERA. Percepisco che la loro vita può ricominciare in un’altra direzione, voltando definitivamente le spalle al male. Con il mio mestiere ho aiutato generazioni di bambini a camminare diritti con la schiena. A me Cristo ogni volta ripete: “Continua, non fermarti. 4 COVID-19 outbreaks in 1 county linked to parties, celebrations, At least 6 dead as tornadoes sweep through US south, Student athletes deliver surprise gifts on Easter Sunday, Worshipers heed Pritzker's plea to stay home Easter Sunday, New IL COVID-19 restrictions announced, 12,601 new cases reported, 3 states moved to orange category in Chicago's COVID-19 travel order; vaccine could be available soon, CPS Board meets after announcement of return to in-person learning, A legal look at Gov. Dentro le carceri Simone di Cirene lo conoscono tutti: è il secondo nome dei volontari, di chi sale questo calvario per aiutare a portare una croce; è gente che rifiuta la legge del branco mettendosi in ascolto della coscienza. Stasera, nel silenzio delle prigioni, la voce di uno desidera diventare la voce di tutti. Catechesi sulla Pandemia. La vita mi ha costretto a diventare donna senza lasciarmi il tempo d’essere bambina. Perché tutti, anche da condannati, siamo figli della stessa umanità. 7 Gesù cade per la seconda volta (Meditazione di una persona detenuta). Esortazione apostolica postsinodale sull'amore nella famiglia, LE DON DE LA FIDÉLTÉ LA JOIE DE LA PERSÉVÉRANCE, PREFATIONES PARTICULARES A SANCTA SEDE CONCESSAE, When and how to have recourse to the Apostolic Penitentiary, Cuándo y cómo recurrir a la Penitenciaría Apostolica. Esattamente come Cristo guarda con occhi pieni d’amore le nostre fragilità e i nostri limiti. È un grido che ho sentito anche su di me: sono stato condannato, assieme a mio padre, alla pena dell’ergastolo. Rispettando i tempi di ciascuno, le relazioni umane possono rifiorire piano piano anche dentro questo mondo pesante. In cuor suo sapeva che il Figlio non avrebbe avuto scampo al male dell’uomo, ma non l’ha abbandonato. È così che la Via Crucis diventa una Via Lucis. 13 Gesù è deposto dalla croce (Meditazione di un frate volontario). Non posso non ascoltarlo: anche dentro al peggiore degli uomini c’è sempre Lui, per quanto infangato sia il suo ricordo. Ho attraversato l’Italia da Sud a Nord per stargli accanto: conosco le città non per i loro monumenti ma per le carceri che ho visitato. In carcere, poi, l’ingiuria degli altri è diventata disprezzo verso me stesso: bastava poco per farla finita, ero al limite. È bastato un giorno per passare da una vita irreprensibile a compiere un gesto nel quale è racchiusa la violazione di tutti i comandamenti. Via Crucis 2020 1 apri link. I MIEI SANTI IN PARADISO. Contemplare il Calvario da dietro le sbarre è credere che un’intera vita si possa giocare in pochi istanti, com’è accaduto al buon ladrone. In quella non-vita, però, ho sempre cercato un qualcosa che fosse vita: è strano a dirsi, ma il carcere è stato la mia salvezza. Sono rimasta io, con il mio piccolo stipendio, a reggere il peso di questa storia a brandelli. Quest’oggi la Libreria Editrice Vaticana ha diffuso gratuitamente on-line e per volontà di papa Francesco il testo digitale della Via Crucis 2020 che sarà presieduta dal Papa in Piazza San Pietro il 10 aprile, in occasione del Venerdì Santo. La rabbia ha assassinato la gentilezza, ho commesso un male immensamente più grande di tutti quelli che avevo ricevuto. Era un uomo che aveva vissuto per anni su una panchina, senza affetti né redditi. ( Chiudi sessione /  Queste lacrime hanno il sapore della sconfitta e della solitudine, del rimorso e della mancata comprensione. By Vatican News. ( Chiudi sessione /  In carcere sono diventato nonno: mi sono perso la gravidanza di mia figlia. Adesso che lo so, con l’aiuto di Dio, sto cercando di ricostruire la mia vita. 2 Gesù è caricato della croce (Meditazione di due genitori ai quali hanno ammazzato una figlia). Ho vissuto anni sottoposto al regime restrittivo del 41-bis e mio padre è morto ristretto nella stessa condizione. Le persone detenute sono, da sempre, i miei maestri. Ecco il testo della Via Crucis 2020 presieduta da Papa Francesco. È stata la prima volta che sono caduto, ma quella caduta è stata per me la morte: ho tolto la vita ad una persona. Conosco la sofferenza e la disperazione: le ho provate da bambino su di me. Vatican Easter 2020 Via Crucis and mass celebrations Vatican Easter 2020 dates of Holy Masses and the Pope’s Via Crucis, as well as celebrations of the English speaking comunities. È stato come se mi avessero rotto la schiena: il mio lavoro è diventato l’appiglio per una condanna infamante. Mi sento Barabba, Pietro e Giuda in un’unica persona. Passando da una cella all’altra vedo la morte che vi abita dentro. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. 3 Gesù cade per la prima volta (Meditazione di una persona detenuta). Francesco, che nell'ulltima stazione ha sorretto lui stesso la croce, ha pregato: "Aiutaci nella notte oscura della prova". Le volte che lo guardavo, respiravo malinconia e buio: mi sembrava di passare accanto a un cimitero di morti viventi. È diventata questa la mia via crucis. Sono rimasto appeso in croce per dieci anni: è stata la mia via crucis popolata di faldoni, sospetti, accuse, ingiurie. Sto invecchiando in carcere: sogno di tornare un giorno a fidarmi dell’uomo. Lo devo ai miei genitori: anni fa hanno messo all’asta le nostre cose più care perché non volevano che facessi vita di strada. 2020.04.10 Via Crucis. Il giorno dell’arresto tutta la nostra vita è cambiata: l’intera famiglia è entrata in prigione con lui. Spesso immagino Gesù in carcere al posto mio: come asciugherebbe quelle lacrime? Ho scelto di sottopormi al giudizio ordinario: lo dovevo a me, ai ragazzi che ho educato negli anni del Seminario, alle loro famiglie. ATTI DEL CORSO ANNUALE DI FORMAZIONE PER I NUOVI... CHIESA DEL SILENZIO E DIPLOMAZIA PONTIFICIA 1945-1965, NELLA FEDELTA' AL CARISMA RIPENSARE L'ECONOMIA, OLOTROPIA I verbi della familiarità cristiana, IL SIGNORE VERRÀ E CI SALVERÀ Omelie sul Natale, UN GENIO DELL’INFORMATICA IN CIELO Biografia del Servo di Dio Carlo Acutis, MISSIONE DEI CRISTIANI. Ancora oggi il giudizio della gente non si placa, è una lama affilata: le dita puntate contro tutti noi appesantiscono la sofferenza che già portiamo nel cuore. Quando passavo davanti a un carcere, mi voltavo dall’altra parte: “Tanto io non finirò mai là dentro”, dicevo tra me. Via Crucis, a Good Friday tradition in Pilsen, looks a lot different this year because of the coronavirus pandemic. Un giorno, poi, sono finito io dietro le sbarre, assieme a mio fratello. Da ventotto anni sto scontando la pena di crescere senza padre”. PRENDERSI CURA DEL PREZIOSO DONO DELLA VITA NELLA FRAGILITÀ, CONSAPEVOLEZZA E PURIFICAZIONE. Spesso ci chiediamo: “Perché proprio a noi questo male che ci ha travolto?”. Accompagnare Cristo sulla Via della Croce, con la voce rauca della gente che abita il mondo delle carceri, è l’occasione per assistere al prodigioso duello tra la Vita e la Morte, scoprendo come i fili del bene si intreccino inevitabilmente con i fili del male. Immagino che Gesù, sollevando lo sguardo, incrociasse i suoi occhi pieni d’amore e non si sentisse mai solo. Ogni giorno mi accorgo che la sua autonomia viene meno dietro le sbarre: ha bisogno di me anche per scrivere una lettera. L'URGENZA DI ANNUNCIARE IL VANGELO, L'EUROPA DI PAPA FRANCESCO. Le mie forze, però, si affievoliscono giorno dopo giorno. Mentre salivo il mio calvario, li ho trovati tutti lungo la strada: son diventati i miei cirenei, hanno sopportato con me il peso della croce, mi hanno asciugato tante lacrime. Per tutti questi anni ho vissuto di rabbia, inquietudine, malinconia: la sua mancanza è sempre più pesante da sopportare. Basterà riempire quegli attimi di verità: il pentimento per la colpa commessa, la convinzione che la morte non è per sempre, la certezza che Cristo è l’innocente ingiustamente deriso. Tante volte incontro uomini disperati che, nel buio della prigione, cercano un perché al male che sembra loro infinito. Nemmeno per un istante ho provato la tentazione di abbandonare mio figlio di fronte alla sua condanna. Non cerco scusanti né sconti, espierò la mia pena fino all’ultimo giorno perché in carcere ho trovato gente che mi ha ridato la fiducia perduta. Nella mia missione di agente di Polizia Penitenziaria, ogni giorno tocco con mano la sofferenza di chi vive recluso. Lo devo soprattutto a me: l’idea che il male continui a comandare la mia vita è insopportabile. L’amore di Dio, infatti, è capace di rigenerare la vita perché, prima di noi, il suo Figlio Gesù ha sperimentato il dolore umano per poterne sentire la giusta compassione. Stanno invecchiando in prigione per colpa mia. Il libro è scaricabile gratuitamente dal sito dell'Editrice Vaticana, è disponibile anche in lingua inglese, francese, spagnola e portoghese. Devo solo porre un argine alla mia frenesia, fermarmi in silenzio davanti a quei volti devastati dal male e ascoltarli con misericordia. Il volume contiene il testo della Via Crucis del Santo Padre Francesco dell’Anno 2020. Raccogliendo l’invito di Papa Francesco, quattordici persone hanno meditato sulla Passione di Nostro Signore Gesù Cristo rendendola attuale nelle loro esistenze. 10 de abril de 2020 - 3:45 PM | ÚLTIMA ACTUALIZACIÓN 13 de abril de 2020 3:20 pm Así fue el Vía Crucis del Papa ante la Plaza de San Pedro vacía en Viernes Santo Redacción ACI Prensa Cristo, nella sua vita, ha scelto e voluto stare con gli ultimi: ha percorso le periferie dimenticate del mondo in mezzo a ladri, lebbrosi, prostitute, imbroglioni. Quante volte, da prete, ho meditato su questa pagina di Vangelo. Il mondo sotto lo sguardo di Francesco, IL DIO CHE RINNOVA. Mi è chiesto di restare lì, accanto, rispettando i loro silenzi, ascoltando il dolore, cercando di guardare oltre il pregiudizio. Così voglio fare anch’io. Ad ognuno, anche alle persone recluse, viene offerta ogni giorno la possibilità di diventare persone nuove grazie a quello sguardo che non giudica, ma infonde vita e speranza. 10 aprile 2020 Senza categoria pensieri mensili. Non mi ero accorto che il male, lentamente, cresceva dentro me. Una è stata ammazzata con l’amica del cuore dalla violenza cieca di un uomo senza pietà; l’altra, sopravvissuta per miracolo, è stata privata per sempre del suo sorriso. Cercavo amici sinceri, volevo essere accettato per com’ero, senza riuscirci. Per quelli come noi la speranza è un obbligo. via Crucis 2020. Eravamo entrambi nel buio profondo. Waiting for Charles de Foucauld's canonisation, Catechesis about the pandemic. Lo faceva di nascosto ma io me ne accorgevo. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Google. Per tentare questo, non posso limitarmi ad aprire e chiudere una cella, senza farlo con un pizzico di umanità. Copyright © 2020 Dicasterium pro Communicatione - Libreria Editrice Vaticana - All rights reserved. Prendili in braccio ancora”. Trovare una risposta è un esercizio arduo, spesso incomprensibile per le nostre piccole e limitate logiche umane. È vero che sono andato in mille pezzi, ma la cosa bella è che quei pezzi si possono ancora tutti ricomporre. La nostra è stata una vita di sacrifici, fondata sul lavoro e sulla famiglia. Un malvagio potrebbe diventare migliore”. E ha il volto di mio padre che, di nascosto, si disperava in cella. Come Pietro ho cercato e trovato mille scuse ai miei errori: il fatto strano è che un frammento di bene è sempre rimasto acceso dentro me. Prego di continuo per lui perché, giorno dopo giorno, possa diventare un uomo diverso, capace di amare nuovamente se stesso e gli altri. Avevo condotto anche la mia famiglia nel burrone: per causa mia, hanno perso il loro cognome, l’onorabilità, sono divenuti soltanto la famiglia dell’assassino. Avverto la vicinanza della Madonna: mi aiuta a non farmi schiacciare dalla disperazione, a sopportare le cattiverie. Somiglio più a Barabba che a Cristo, eppure la condanna più feroce rimane quella della mia coscienza: di notte apro gli occhi e cerco disperatamente una luce che illumini la mia storia. Della mia infanzia ricordo l’ambiente freddo e ostile nel quale sono cresciuto: bastava scovare una fragilità nell’altro per tradurla in una forma di divertimento. Se per qualcuno sono ancora Barabba, non mi arrabbio: avverto, nel cuore, che quell’Uomo innocente, condannato come me, è venuto a cercarmi in carcere per educarmi alla vita. 12 Gesù muore in croce (Meditazione di un magistrato di sorveglianza). Un giorno, poi, mi sono trovato a terra. Ha voluto condividere miseria, solitudine, turbamento. Per fare questo, però, è necessario imparare a riconoscere la persona nascosta dietro la colpa commessa. Tante volte, nei tribunali e nei giornali, rimbomba quel grido: «Crocifiggilo, crocifiggilo!». Lui ci invita a tenere aperta la porta della nostra casa al più debole, al disperato, accogliendo chi bussa anche solo per un piatto di minestra. In quegli sguardi ho compreso con chiarezza che avrei potuto esserci io al posto loro, qualora la mia vita avesse preso una direzione diversa. Stava lì, a condividerne il dolore, facendogli compagnia con la sua presenza. Ho affidato a lei mio figlio: solamente a Maria posso confidare le mie paure, visto che lei stessa le ha provate mentre saliva il Calvario. 1 Gesù è condannato a morte (Meditazione di una persona detenuta condannata all’ergastolo). 5 Gesù viene aiutato dal Cireneo (Meditazione di una persona detenuta). È necessario che l’uomo espii il male che ha commesso: non farlo significherebbe banalizzare i suoi reati, giustificare le azioni intollerabili da lui compiute che hanno arrecato ad altri sofferenza fisica e morale. Quante volte, come figlia di una persona detenuta, mi sono sentita rivolgere una domanda: “Lei è affezionata al papà: pensa mai al dolore che suo padre ha causato alle vittime?”. È l’unica maniera che conosco per accogliere l’uomo, spostando dal mio sguardo l’errore che ha commesso. La seconda, l’omicidio, è stata quasi una conseguenza: ero già morto dentro. La strada suggeritami da Cristo è contemplare quei volti sfigurati dalla sofferenza, senza provarne paura. Un giorno, alla mia nipotina, non racconterò il male che ho commesso ma solamente il bene che ho trovato. Essere un imbuto di rabbia, di dolore e di cattiverie covate finisce con il logorare anche l’uomo e la donna più preparati. Poi faccio anch’io loro una domanda: “Avete mai pensato che di tutte le vittime delle azioni di mio padre io sono stata la prima? Ce la metto tutta per difendere la speranza di gente rassegnata a se stessa, spaventata al pensiero di quando un giorno uscirà e rischierà di essere rifiutata ancora una volta dalla società. Cristo inchiodato alla croce. 2020.04.10 Via Crucis. Il carcere continua a seppellire uomini vivi: sono storie che non vuole più nessuno. A casa nostra è tutta una via crucis: papà è uno di quelli condannati all’ergastolo. Il bullismo, poi, ha rubato sprazzi d’infanzia a quel bambino nato nella Calabria degli anni Settanta. Venerdi Santo Piazza San Pietro , 10 Aprile 2020. Ho iniziato a lavorare quando ero piccolo, senza poter studiare: l’ignoranza ha avuto la meglio sulla mia ingenuità. Le meditazioni della Via Crucis quest’anno sono proposte dalla cappellania della Casa di Reclusione “Due Palazzi” di Padova. Le parlerò di chi, quando ero a terra, mi ha portato la misericordia di Dio. Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. La sua unica ricchezza era una confezione di brioches. VIA CRUCIS 2020 Presieduta dal Santo Padre Francesco . Appeso in croce, il mio sacerdozio si è illuminato. Simone di Cirene, poi, è il mio compagno di cella: l’ho conosciuto nella prima notte trascorsa in carcere. Lettera apostolica a conclusione del Giubileo straordinario... AMORIS LAETITIA. SERVITORI DELLA GIOIA DEL VANGELO. Ma pur amando questo lavoro, talora fatico a trovare la forza per portarlo avanti. Sono queste le creature sospese che mi vengono affidate: degli uomini inermi, esasperati nella loro fragilità, spesso privi del necessario per comprendere il male commesso. Li guardavo, provavo vergogna di me: non me la sento più di chiamarmi uomo. Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita, Pedro Aliaga Asensio, Antonio Aurelio Fernández y Serrano, Ignacio Rojas Gálvez, Dicasteries, Congregations and Pontifical Council, Dicastery for Promoting Integral Human Development, Congregation for the Doctrine of the Faith, Congregation for Institutes of Consacrated Life and for Societies of Apostolic Life, Congregation for Divine Worship and Discipline of the Sacraments, Pontifical Council for Social Communications, Pontifical Counsil for Promoting Christian Unity, Pontifical Counsil for Interreligious Dialogue, Pontifical Council for Promoting New Evangelization, Pontifical Committee for International Eucharistic Congresses, Centesimus Annus Pro Pontefice Foundation, Pontifical Committee of Historical Sciences, Collection "Acts of the Roman Curia Congresses", Collection "Il Sangue di Cristo nella Teologia", Collection "Scienze umane, filosofia e teologia", Collection "Storia religiosa Euro-Mediterranea", Collection "UCID - Imprenditori cristiani per il bene comune", "Omelie del mattino nella Cappella Domus Sanctae Marthae", "De servorum Dei beatificatione et beatorum canonizatione", "Atti e documenti del Pontificio Consiglio di Scienze Storiche", "Documenti e studi" della Congregazione per la Dottrina della Fede, "Monumenta Liturgica Concilii Tridentini", "UCID - Imprenditori cristiani per il bene comune". Lui, goloso di dolci, ha insistito perché la portassi a mia moglie la prima volta che è venuta a trovarmi: lei è scoppiata a piangere per quel gesto tanto inaspettato quanto premuroso. Foreword buy cardinal Peter k. Turkson, Apostolic Letter on the Sixteen Hundredth Anniversary of the Death of Saint Jerome, Encyclical Letter On Fraternity &  Social Friendship, Enzyklika über die Geschwisterlichkeit und die soziale Freundschaft, Pro antiqua vel extraordinaria Ritus Romani forma, Pretext, Context and Theology of the Redemption of the Captives at the Origin of the Trinitarian Order, Father Michael McGivney and American Catholicism, The Christian sense of prayer for the dead, The third Italian edition of the Roman Missal: between liturgy and catechesis. Le ferite crescono con il passare dei giorni, togliendoci persino il respiro. A me, per amore, capita di aspettare il ritorno di papà. I GIOVANI NELLA CHIESA DI PAPA FRANCESCO. Ho sempre pensato fosse questo il vero senso di quelle sue parole: «Ero in carcere e siete venuti a trovarmi» (Mt 25,36). In tutti questi anni non mi sono mai sottratta alla risposta: “Certo, mi è impossibile non pensarci”, dico. Certi che anche quando il male e la sofferenza vengono narrati si può lasciare spazio alla redenzione, riconoscendo in mezzo al male il dinamismo del bene e dargli spazio (cfr. Non è facile: è l’unica cosa, però, che qui dentro abbia ancora un significato. 6 Veronica asciuga il volto di Gesù (Meditazione di una catechista della parrocchia). Il passato è qualcosa di cui provo ribrezzo, pur sapendo che è la mia storia. Finché, una sera, è scoccata la mia ora delle tenebre: in un attimo, come una valanga, mi si sono scatenate contro le memorie di tutte le ingiustizie subite in vita. 11 Gesù è inchiodato alla croce (Meditazione di un sacerdote accusato e poi assolto). Da paese straniero qual era, il carcere è diventato la nostra casa: in una cella stavamo noi uomini, in un’altra nostra madre. Il momento più buio è stato vedere il mio nome appeso fuori dall’aula del tribunale: in quell’attimo ho capito di essere un uomo costretto a dimostrare la sua innocenza, senza essere un colpevole. Così facendo, a volte si riesce ad intravedere un orizzonte che può infondere speranza alle persone condannate e, una volta espiata la pena, riconsegnarle alla società, invitando gli uomini a riaccoglierli dopo averli un tempo, magari, respinti. Il giorno che mi sono sposata, sognavo di averlo accanto a me: anche allora mi ha pensata da centinaia di chilometri di distanza. Tutto è possibile a chi crede, perché anche nel buio delle carceri risuona l’annuncio pieno di speranza: «Nulla è impossibile a Dio» (Lc 1,37). Eppure, in carcere, l’indifferenza crea ulteriori danni nella storia di chi ha fallito e sta pagando il proprio conto alla giustizia. Il mio piccolo desiderio è essere un punto di riferimento per chi incontro tra le sbarre. Solo ritrovando la sua umanità, la persona condannata potrà riconoscerla nell’altro, nella vittima a cui ha provocato dolore. Abbiamo insegnato ai nostri figli il rispetto per l’altro e il valore del servizio verso chi è più povero. La rigidità del giudizio mette a dura prova la speranza nell’uomo: aiutarlo a riflettere e a chiedersi le motivazioni delle sue azioni potrebbe diventare l’occasione per guardarsi da un’altra prospettiva. 2020.04.10 Via Crucis. All Rights Reserved. Più che pentito, lo immagino come uno che è consapevole di essere sulla strada errata. In carcere la vera disperazione è sentire che nulla della tua vita ha più un senso: è l’apice della sofferenza, ti senti il più solo di tutti i solitari al mondo. Di quegli anni ricordo suor Gabriella, l’unica immagine di festa: fu l’unica ad intravedere il meglio dentro il mio peggio. I testi, raccolti dal cappellano don Marco Pozza e dalla volontaria Tatiana Mario, sono stati scritti in prima persona, ma si è scelto di non mettere il nome: chi ha partecipato a questa meditazione ha voluto prestare la sua voce a tutti coloro che, nel mondo, condividono la stessa condizione. I cristiani nell'Europa di oggi, IL BAMBINO GESU' UN UNICUM NEL PANORAMA DELLA SANITA'. GIORNATA DI PREGHIERA E DIGIUNO IN MEMORIA DEI MISSIONARI MARTIRI 2020 INNAMORATI E VIVI VIA CRUCIS CON COMMENTO DI MONS. Di diventare un cireneo della gioia per qualcuno. 4 Gesù incontra la Madre (Meditazione della mamma di una persona detenuta). Come uomo sono caduto troppe volte: altrettante volte mi sono rialzato. Soffrivo per la felicità degli altri, sentivo i bastoni tra le ruote, mi chiedevano solo sacrifici e regole da rispettare: mi sono sentito un estraneo per tutti e ho cercato, ad ogni costo, una mia rivalsa. Avere fatto della carità il nostro comandamento è per noi una forma di salvezza: non ci vogliamo arrendere al male. È difficile da dirsi, ma nel momento in cui la disperazione sembra prendere il sopravvento, il Signore, in modi diversi, ci viene incontro, donandoci la grazia di amarci come sposi, sorreggendoci l’uno all’altro pur con fatica. Non pensare che al mondo esistesse la bontà è stata la mia prima caduta. Neppure la giustizia, in cui abbiamo sempre creduto, è stata in grado di lenire le ferite più profonde: la nostra condanna alla sofferenza resterà fino alla fine. Via Crucis 2020 con Papa Francesco, ma senza fedeli. OSCAR ROMERO Nel quarantesimo anniversario della cruenta uccisione di Mons. Anni fa ho perduto l’amore perché sono la figlia di un uomo detenuto, mia madre è caduta vittima della depressione, la famiglia è crollata. Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. A tratti, però, assomigliano a dei bambini appena partoriti che possono ancora essere plasmati. La prima quando il male mi ha affascinato e io ho ceduto: spacciare droga, ai miei occhi, valeva più del lavoro di mio padre che si spaccava la schiena dieci ore al giorno. “È la vita!”, mi ripeto per farmi coraggio. YES TO LIFE! ATTI DELL'INCONTRO PER LA TUTELA DEI MINORI NELLA CHIESA. Fewer than 10 people formed the procession for the 43rd annual Via Crucis in Pilsen. La vergogna, per un istante, mi ha condotto al pensiero che sarebbe stato meglio farla finita. Ogni volta, nei tribunali, cercavo il Crocifisso appeso: lo fissavo mentre la legge investigava sulla mia storia. Come catechista asciugo tante lacrime, lasciandole scorrere: non si possono arginare le piene di cuori straziati. 14 Gesù è sepolto (Meditazione di un agente di Polizia Penitenziaria). Come se non bastasse, ho condotto lì dentro anche mio padre e mia madre. Il risultato dipende anche da me e stringere i denti è essenziale per raggiungere l’obiettivo del nostro lavoro: dare un’altra possibilità a chi ha favorito il male. Come magistrato di sorveglianza, non posso inchiodare un uomo, qualsiasi uomo, alla sua condanna: vorrebbe dire condannarlo una seconda volta. Pritzker's 10th disaster declaration, Gary boy dies while battling rare cancer at age 14, Illinois Veterans Home in LaSalle COVID-19 death toll rises to 21, Truth about COVID-19 could lie in wastewater, Chicago Weather: Mostly sunny, windy Wednesday, So Great, So Fragile: Episodic series focuses on Great Lakes, WWII veteran receives more than 500 birthday cards, gifts, 'Bachelorette' Tayshia referees feud between Ed and Chasen, Trump fires cybersecurity chief for saying election was secure. Come placherebbe l’angoscia di questi uomini che non trovano una via d’uscita a ciò che sono diventati cedendo al male? Non è facile confrontarsi con chi è stato vinto dal male e ha inferto ferite enormi ad altri uomini, complicando le loro esistenze. Se qualcuno gli stringerà la mano, l’uomo che è stato capace del crimine più orrendo potrà essere il protagonista della risurrezione più inattesa. And it was readily apparent in the Pilsen neighborhood. CHICAGO (WLS) -- The faithful in Chicago, the state, and around the world are being asked by their leaders to worship differently this Easter weekend to save lives. Un collega, che mi è stato maestro, ripeteva spesso: “Il carcere ti trasforma: un uomo buono può diventare un uomo sadico. Quando poi, un giorno, mi hanno messo in croce, ho sentito tutto il peso di quel legno: l’accusa era fatta di parole dure come chiodi, la salita si è fatta ripida, il patimento si è inciso nella pelle. La mia storia, , Il sogno musicale del paradiso in terra – Domenico Zipoli (1688-1726), Il GPS della disugualità. 9 Gesù cade per la terza volta (Meditazione di una persona detenuta). LA RICCHEZZA DEGLI ANNI. Messaggio del Santo Padre per la Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali 2020). Non mi vergogno di esercitare il diaconato permanente vestendo la divisa della quale vado orgoglioso. Non troviamo pace. Poi, però, ho deciso di rimanere il prete che sono sempre stato. In carcere ripenso spesso a quante volte un bambino cade a terra prima di imparare a camminare: mi sto convincendo che quelle siano le prove generali per quando si cadrà una volta diventati grandi. Con il passare del tempo ho imparato a conviverci, a guardarla in faccia, a chiamarla per nome: passiamo notti intere a farci compagnia a vicenda. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook.

Reso Amazon Vuoto, La Bussola Giornale Cattolico, Storia Diritto Medievale E Moderno Pdf, Giambattista E Giandomenico Tiepolo, Hendrick's Gin Midsummer Solstice Cocktail, Tecla Significato Spagnolo, Libri Scolastici 2020/21, Appartamenti In Vendita A Campitello Matese, San Nicola Di Bari Chiesa, Menù Pizze Gourmet, Pec Gratis Aruba, Preghiere Santa Patrizia, Asteroide 29 Aprile E Pericoloso, A Star Is Born Canale 5,